Sfrattati dal Prete di Torre del Moro | A.S.D Torresavio Calcio - Cesena

Sfrattati dal Prete di Torre del Moro

Sfrattati dal Prete di Torre del Moro
Più di 600 atleti "per strada" grazie alla "cristianità" di Don Paolo. 40 anni di storia umiliati.

Oltraggioso, umiliante, pericoloso e folle… non ci sono altre definizioni per descrivere quello che ci è capitato nelle ultime ore. 40 anni di storia calpestati da chi storia non ha.

Partiamo con ordine. Ormai saprete che dal 30° giugno 2017 la curia per puri motivi commerciali ha deciso di “abbattere” lo storico impianto sportivo “Bruno Rossi”, culla calcistica di molti atleti e sportivi, al suo posto si ergerà un prefabbricato.

Per gli alloggi adibiti ad ufficio però, sempre la curia, si era chiaramente espressa: gli uffici e la sede sarebbero rimasti attivi fino a che la società non avesse trovato una sistemazione ritenuta congrua alle necessità operative.

L’unico a non ritenere soddisfacente la cosa è stato si da subito Don Paolo Foschi, il parroco di Torre del Moro, il quale reclamava in maniera decisa gli alloggi indicando fantomatici ultimatum e minacce. La società in piena trasparenza ha sempre fatto presente alla Curia l’atteggiamento ostile del Parroco instaurando con la stessa un canale di comunicazione sulla situazione rendendola di fatto responsabile di una supervisione sull’atteggiamento del prete.

Poi è successo quello che nessuno si sarebbe aspettato: Don Paolo Foschi incurante delle conseguenze, incurante delle parole espresse dalla curia ma anche dal Vescovo in persona (al quale almeno un prete dovrebbe rendere conto) ha fatto uno dei gesti “meno cristiani” di cui abbiamo memoria: ha cambiato le serrature degli uffici e degli alloggi impendendo di fatto l’accesso ai nostri tesserati e ai nostri dirigenti.

La minaccia era chiara: o si arrivava nel giro di poche ore con un furgone a portare via tutto (senza avere una sede di riferimento) o non avrebbe aperto a nessuno lasciando così “per strada13 squadre che nel weekend avrebbero dovuto affrontare i rispettivi campionati. Lasciamo a voi ogni riflessione sulle conseguenze.

Il trasloco nella serata - Ph. CesenaToday

Lavoriamo da 40 anni (QUARANTA!!!!) mossi esclusivamente dalla passione per questo sport, mossi dalla voglia di dare ai nostri ragazzi i mezzi tecnici e formativi migliori, spendiamo tempo, sacrifichiamo serate solo ed esclusivamente perché crediamo in quello che facciamo. Non ci saremmo ne aspettati ne meritati un’uscita di scena simile.

Ricordiamo con nostalgia il fatto che proprio Don Sergio Cappelletti fu fautore della nascita del movimento calcistico a Torre del Moro , fu promotore e primo tifoso artefice di una sinergia proficua per entrambe le realtà. La stessa società sportiva curò in passato alcuni restauri alla chiesa… insomma una convivenza quanto meno “cristiana”, onesta e rispettosa.

A Don Paolo Foschi forse la storia non ha insegnato nulla…e questo è un problema visto il lavoro che fa. Nonostante le nostre dimostranze, nonostante le riprese della Curia (a cui sempre Don Paolo dovrebbe fare riferimento), nonostante il ripetuto intervento del Vescovo per farlo ragionare e l’oggettiva necessità ed urgenza che avevamo, non c’è stato modo di ripristinare la situazione. Siamo stati SFRATTATI in maniera umiliante. Di fatto 600 atleti con le rispettive famiglie non hanno più un punto di riferimento grazie a Don Paolo Foschi, unico responsabile di questa follia.

Oggi sabato 14 ottobre 2017, SOLO grazie ad una comunità di genitori, tifosi, dirigenti e ad una fitta rete di passaparola siamo riusciti in poche ore a trovare una sistemazione alternativa a 300 metri in linea d’aria dalla vecchia sede (in via longo 84) che però richiede un impegno economico sostanziale a cui dovremo fare fronte.

La nuova sede "temporanea"

Noi ce la stiamo mettendo tutta, ne usciremo ancora più forti e organizzati, ma difficilmente dimenticheremo l’affronto colmo di “ignoranza” storica che un prete che non ha storia ci ha fatto.

il vicepresidente Giampaolo Baiardi